La creatina fa male? Facciamo chiarezza.
11 Ottobre 2018
Beta Alanina & Performance
6 Novembre 2018

Allenamento a digiuno o a stomaco pieno? Impatto sulla performance

Tempo di lettura stimato: 2 minuti

Strutturare correttamente il pasto pre allenamento può influenzare in maniera importante la performance sportiva. Ultimamente l’allenamento a digiuno sta suscitando sempre più interesse, tuttavia è necessario distinguere un digiuno funzionale alla performance (migliorare o evitare peggioramento della stessa) o un digiuno volto al raggiungimento di obiettivi estetici (es: favorire metabolismo lipidico).

Ci siamo soffermati sul primo caso (la performance) e aiutati da una recente review sistematica con meta analisi abbiamo potuto osservare come il digiuno possa avere un impatto negativo nel lungo periodo (performance aerobiche > 60m) rispetto a sport ad intermittenza di breve durata.

A volte l’atleta endurance si vede però costretto ad optare per il digiuno in allenamento specie nel running. In questi casi sarà importante andare a compensare le scorte energetiche e “ricaricare” in anticipo (es giornata antecedente l’allenamento) con i nutrienti necessari a svolgere lo specifico allenamento e alimentarsi in maniera costante durante la performance.

Il digiuno può essere senza dubbio una strategia funzionale in ogni situazione se personalizzata adeguatamente e strutturata da uno o più professionisti in grado di analizzare sistemi energetici in gioco e strutturare al meglio timing di assunzione di alimenti e supplementi.

Referenze
Aird, Tom P., Robert W. Davies, and Brian P. Carson. "Effects of fasted vs fed‐state exercise on performance and post‐exercise metabolism: A systematic review and meta‐analysis." Scandinavian journal of medicine & science in sports 28.5 (2018): 1476-1493.
Prenota una visita